Francesco Marasciulo – Chinè – I problemi del cartone

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

«La scelta del contenitore d’asporto è stata una delle scelte che mi ha fatto soffrire di più quando ho fatto il locale.

Appena aperta la pizzeria ho sempre usato dei classicissimi contenitori pizza ma che ho sempre odiato, sia perché vedevo che la pizza si attaccava al cartone, sia perché aprendo il cartone della pizza c’era un odore di cartone e non più l’odore della pizza in sé per sé.

Nelle varie ricerche che ho potuto fare, appena aperta la pizzeria, ho iniziato a utilizzare i contenitori in PET.

All’inizio ci sembrava di avere una marcia in più perché a impatto visivo, il cartone personalizzato, diverso anche all’interno, piaceva alla gente.

Però, tante volte mi dicevano che il prodotto che arrivava a casa era completamente diverso dal prodotto che mangiavano in pizzeria, questo perché il materiale che componeva il cartone, manteneva la pizza calda a lungo, ma creava un’umidità, una condensa tale da cambiare completamente il prodotto.

Quindi siamo riusciti a eliminare i cattivi odori e a mantenere il prodotto caldo, ma non era comunque una vittoria.»

La vittoria per Francesco Marasciulo, titolare della Pizzeria Chinè a Monopoli, in provincia di Bari, è arrivata solo con CIRO – The Original Pizza Box!

Altri articoli

Non hai ancora provato CIRO® -The Original Pizza Box?

Cosa aspetti! Compila il form qui accanto e richiedi il kit di prova!

Dopo aver lasciato i tuoi dati e premuto il pulsante, non uscire dal sito, ma attendi qualche secondo per scoprire il contenuto del nostro Kit di Prova - CIRO WOW BOX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *